Architetto sì, architetto no. Come scegliere il professionista giusto.

Dieci anni fa abbiamo aperto in Svizzera il nostro atelier, trasferendoci dall'Italia. Abbiamo scoperto che gli svizzeri sono attratti dall'arte italiana, molto più di quanto già avessimo potuto vedere in precedenza, venendo qua come semplici visitatori. Abbiamo potuto apprezzare l'interesse dei più esigenti, tra i nostri clienti potenziali. Tuttavia, i proprietari di immobili di pregio preferiscono rivolgersi a consulenti come architetti, designer d’interni, professionisti del design, per avere una guida valida e un sostegno nel creare ambienti che li rappresentino, e garantiscano loro il comfort che cercano. Continua la lettura "Architetto sì, architetto no. Come scegliere il professionista giusto."

Rivestire le superfici irregolari è un mal di testa: ecco come farselo passare

Siamo stati contattati di recente da un architetto con una richiesta un po’ particolare di un suo cliente. Discutendo della ristrutturazione della sua villa – una lussuosa costruzione un po’ retrò sulla riva di un lago – il cliente ha tirato fuori un catalogo di vasche idromassaggio. C’era una scelta piuttosto ampia di prodotti, di quelli che siamo abituati ormai a vedere un po’ dappertutto nei negozi di articoli per il bagno, per l’edilizia, per il fai-da-te. Il bagno padronale della villa, così ci riferisce l’architetto, è già di per sé un monumento al lusso: grande quanto il salone di molte altre case, con quattro finestre su tre lati, guarda sul giardino della villa e da lì sul lago poco distante. Continua la lettura "Rivestire le superfici irregolari è un mal di testa: ecco come farselo passare"

Il mosaico di piastrelle spezzate è sempre una pessima idea: ecco perché

Una domanda che ricorre spesso in chi si avvicina al mosaico artistico è: “Potete farmi un mosaico con le piastrelle che mi sono avanzate, che ho recuperato, che mi sono state regalate?” La nostra risposta è sempre e regolarmente la stessa: “No”. In questo articolo spiegheremo per quale motivo quella che a molti sembra una buona idea, in realtà non lo è affatto. Continua la lettura "Il mosaico di piastrelle spezzate è sempre una pessima idea: ecco perché"

Non lasciare a qualcun altro la scelta dei tuoi rivestimenti. Scaccia la noia, ed evita gli errori più comuni!

Dopo il divorzio, la signora Adriana viveva da sola. Lavorava tutto il giorno nella sua profumeria, ben avviata, che le permetteva di vivere senza preoccupazioni. Ogni sera tornava a casa, e si rilassava riempiendo la vasca e immergendosi per una ventina di minuti. Sera dopo sera, Adriana era sempre più stufa di trovarsi sempre davanti la solita noiosa parete bianca. La scelta era stata del suo ex-marito: ancora una volta Adriana si domandò perché mai avesse sposato un uomo così privo di fantasia. Lei che amava le cose eleganti ed esclusive, cose che lui non era proprio capace di capire. Inoltre, negli anni alcune piastrelle già si erano staccate, e là dove erano state riattaccate si notava la differenza. Davvero brutta questa parete anonima …ma non era colpa sua, pensò Adriana; aveva sbagliato a lasciar fare tutto a suo marito, mentre se fosse stato per lei qui ci sarebbe stata…0009-1-venere Ma sì! Ecco cosa ci voleva! Sono ancora giovane e sono una bella donna, si disse Adriana decisa. Voglio farmi fare sulla parete del bagno, una riproduzione della più bella donna nel più bel bagno che ci sia! Questo pensava la signora Adriana, quando ci chiamò per commissionarci un mosaico per il suo bagno. Per lei progettammo la “Venere” di Botticelli, con la dea della bellezza che nasce dalla schiuma delle onde del mare. Continua la lettura "Non lasciare a qualcun altro la scelta dei tuoi rivestimenti. Scaccia la noia, ed evita gli errori più comuni!"

Rivestimenti esclusivi

Le nuove tendenze nell’estetica degli edifici da abitazione stanno rivoluzionando il modo in cui i proprietari di case pensano e realizzano la decorazione degli ambienti. Sta passando, anche qui in Svizzera, il tempo delle “scatole grigie”. Chi si costruisce la casa, vuole che questa esprima la personalità di chi ci abita. Per questo motivo sta crescendo l’interesse per il mosaico. Continua la lettura "Rivestimenti esclusivi"

Come trasformare un normale bagno in un esclusivo ambiente wellness, ovvero le pietre che guariscono

di Stefano Toria e Luciano Bonzini Torno sempre volentieri in Liguria, la terra dove è nata mia moglie, e dove io mi sento di casa, adottato. Non è solo per il mare; la terra ligure vive a mezza via tra realtà e fantasia, tra gente che lavora sodo e paesaggi trasognati, fatti di muri che scendono a mare a fianco delle crêuze lastricate, di carruggi infiniti pieni di aromi da scoprire, di fugàssa e gianchetti e fainà e pignêu. IMG_3489 copia Giri un angolo scuro che ti porta al confine di una piazza, e in fondo splende una luce accecante; e il mare ti investe coi suoi odori. Ne giri un altro, e sotto ai piedi ti trovi un rissêu, bello da togliere il fiato. Continua la lettura "Come trasformare un normale bagno in un esclusivo ambiente wellness, ovvero le pietre che guariscono"

Arte ed esclusiva

Ciascuno di noi ha un rapporto individuale con l’arte. In passato era un piacere riservato a pochi; nel corso del ventesimo secolo si sono affermati dei movimenti artistici che per programma si opponevano a questa idea elitaria di arte. Un esempio è la pop art degli anni ’50 in Inghilterra, e soprattutto degli anni ’60 negli USA. Artisti come Robert Rauschenberg o Jasper Johns l’hanno avviata, e soprattutto i più celebri come Roy Lichtenstein e Andy Warhol l’hanno divulgata tra il grande pubblico. Perché proprio questo era lo scopo del movimento, già dal nome, l’arte popolare. Opere come le scatole di zuppa Campbell’s, di Warhol, o Happy Tears di Lichtenstein sono state riprodotte in milioni di esemplari e apprezzate da estimatori di ogni genere; molti le hanno appese alle pareti della propria casa, facendone delle opere “popolari” nel senso stretto del nome. Quasi per opposizione contro questa estrema divulgazione, si è affermato al tempo stesso un modo opposto di concepire l’arte. Possiamo dire che si è “riaffermato”, perché di fatto è una sorta di ritorno alle origini: l’arte come esclusiva. cappella_sistina   Continua la lettura "Arte ed esclusiva"

Realtà Mapei Svizzera

MAPEI, il produttore italiano di materiali da costruzione noto in tutto il mondo, e di cui siamo utilizzatori abituali, pubblica un articolo sulla nostra «Signora degli Eremiti» sul primo numero del 2016 della propria rivista aziendale «Realtà Mapei». "Realtà Mapei Svizzera" » Articolo in una pagina sulla "Madonna degli Eremiti" »

Investire in opere d’arte; come scegliere un’opera.

In questo periodo storico il mercato dell’arte è particolarmente vivace. Gli investitori differenziano i propri investimenti: oltre a beni immobili e titoli mobiliari, si acquistano opere d’arte seguendo il consiglio di esperti nel campo. L’investimento è spesso orientato ad acquistare un’opera di un artista quotato, conosciuto e famoso; oppure si acquista in base al proprio gusto ed esigenza estetica. Può succedere tuttavia, di scegliere un’opera della quale non si conosce la resistenza al tempo. Cosa succede all’investimento in questo caso? L'opera rimarrà ragionevolmente inalterata nel tempo? e conseguentemente, manterrà il valore dell’investimento? HODR2343 Continua la lettura "Investire in opere d’arte; come scegliere un’opera."